Il "Nastro dei Misteri"

Questo nastro, che contiene le registrazioni di conversazioni avvenute fra gli operatori del Centro Radar di Marsala e altri centri radar o comandi dell'Aereonautica, viene ascoltato e reso pubblico il 2 marzo del '90. Quindi dopo dieci anni dai fatti.
Viene ascoltato a seguito di un riesame dei nastri a disposizione della magistratura chiesto dall'Avv. Carlo Taormina nella presunzione che vi siano nastri mai ascoltati (Taormina era all'epoca il difensore di uno dei militari inquisiti)
L'ascolto farà scalpore, perchè nella telefonata n.ro 9-10 si parla di un Mig di cui si chiede, apparentemente, se debba essere trascritto su un registro.
Ma l'evidenza più importante, secondo me, è nelle telefonate n.ro 11 e n.ro 12, dove si da una indicazione della traccia KA011 evidentemente falsa. E' la prova che questo nastro, considerato come "prova obiettiva" dal magistrato è in realtà un falso, manipolato probabilmente inserendo telefonate vere e telefonate fasulle, create ad arte per sviare l'inchiesta.
Quì di seguito, stante l'importanza dell'argomento, ho riportato tutta la trascrizione ufficiale del Nastro dei Misteri, completo dei commenti dell'Ufficio del magistrato, così come appare nella "Ordinanza di rinvio a giudizio"
 

 

Da "Ordinanza di rinvio a giudizio"

1.3. Le conversazioni telefoniche di sala operativa.

 Prima di passare ad esaminare la versione fornita dall’AM e dai militari presenti in sala operativa, si è ritenuto opportuno ed agevole, riportare, qui di seguito, le conversazione telefoniche intercorse tra gli operatori di Marsala e l’esterno, trascritte dai periti fonici Franco+2. Queste, costituiscono una prova obiettiva, non viziata dal trascorrere del tempo, dell’attività svolta in sala operativa la sera del disastro. Dai contenuti delle conversazioni è stato possibile acquisire utili elementi in ordine alla efficienza del radar di Siracusa, alla «esecuzione» dell’esercitazione Synadex, alle prime richieste di informazioni da parte di Ciampino e Palermo sul DC9 dell’Itavia, alla presenza del personale militare in sala.
 
Nr.1
Canale 22 ore 18.12Z:
Sasso: sì?
Moro: Sasso?
Sasso: sì.
Moro: ai 06 di (inc.) (allerta) della 877 eh, però vedi che ci stanno
cinque in Charlie e cinque in Delta eh?
Sasso: come cinque Charlie...
Moro: so cinque velivoli.
Sasso: sì, quello lo sappiamo.
Moro: lo sapevi?
Sasso: sì, sì.
Moro: no, per…
Sasso: oggi (inc.)…
Moro: no, perché dice che è arrivato uno adesso.
Sasso: uno?
Moro: uno adesso, è arrivato. Mezz’ora fa.
Sasso: ah, vabbè quello domani mattina poi, no? Ormai ho smontato.
Moro: no, perché lui lui me l’ha dato adesso.
Sasso: vabbè (inc.) è smontata?
Moro: eh.
Sasso: vabbè.
Moro: Alpha Papa.
Sasso: Alpha Papa pure (inc.)…
Moro: ciao.
 La telefonata intercorre tra il sito di Marsala e la sala operativa del 3° SOC di Martina Franca. Gli interlocutori sono il maresciallo Attanasi Rosario, assistente del capo controllore del SOC ed il sergente Abate Pasquale, assistente del capo controllore di Marsala. La conversazione è relativa alla cessazione di allerta della cellula del 51° Stormo di Istrana, rischierata presso l’aeroporto di Trapani, in caso di intercettazione. Il contenuto di questa conversazione sarà oggetto, come si vedrà più innanzi, di particolare attività istruttoria.
.
Nr.2
Canale 22 ore 18.13Z:
X:  sì?
Moro: ai 06 smonta la 877, (Peppe)?
X:  ai 06?
Moro: sì.
X:  aspetta...va bene, Pasquà.
Moro: oh, Pè…
X:  oh.
Moro: ma voi che state in Mike?
X:  ’ste cose non si dicono Pasquà! 
Moro: eh, ma oh…(parla!)
X:  vabbuo’, sì sì, poi ti dico tutto, Pasquà
Moro: senti, vedi che so cinque i velivoli eh.
X:  ah, non quattro?
Moro: no, cinque.
X:  cinque?
Moro: eh?
X:  ok!
Moro: ciao.
 La telefonata è tra il sito di Marsala e quello di Siracusa. Gli interlocutori sono il sergente Abate Pasquale di Marsala ed il sergente Arena Giuseppe di Siracusa. Verrà accertato che il termine «Mike» indicava lo stato di manutenzione del sito. Dalla telefonata emerge il disappunto dell'operatore di Siracusa per l'incauto riferimento fatto dall'operatore di Marsala alla situazione «Mike» in cui essi si trovavano.
.
Nr.3
Canale 22 ore 18.34Z:
Moro: pronto?
X:  eh…senti, una Buck Number 1093…
Moro: aspetta, eh... vai.
X:  Buck Number 10, (zero) 93, zero 14, Charlie Kilo.
Moro: la penna, porco boia!
X:  ci sei?
Moro: Charlie Kilo hai detto?
X:  affermativo.
Moro: vai, vai.
X:  November Papa Golf.
Moro: vai.
X:  Foxtrot Mike Sierra Foxtrot Romeo Yankee Mike.
Moro: poi?
X:  (inc.9) Victor Yankee Hotel Whishy.
Moro: Yankee Hotel Whisky, poi?
X:  Delta Golf Juliet Romeo Alpha Golf.
Moro: poi?
X:  21 Sierra Foxtrot Golf Quebec Victor November Oscar Whisky Foxtrot Kilo, 31 Uniform India Lima Golf Uniform Bravo Whisky Victor Juliet Oscar, 41 November Lima Whisky.
Moro: eh.
X:  Papa Zulu November Yankee Charlie out.
Moro: Alpha Papa.
X:  Alpha Golf.
 La telefonata è tra i siti di Marsala e Siracusa. Gli interlocutori sono il sergente Abate ed il sergente Arena. Il contenuto della telefonata è un messaggio in cifre, di cui lo SMA ha riferito, nel dicembre 94 che si trattava di un messaggio operativo con il quale il sito comunicava la fine della manutenzione ed il ripristino delle sue funzioni.
.
Nr.4
Canale 18 ore 18.48Z:
Moro: sì?... Pronto?
X:  hello?
Moro: sì?
X:  senti, in salita Ambra 13 cosa c’hai?
Moro: Alpha Juliet 453.
X:  all right.
Moro: aho… pronto?
La telefonata è tra il sito di Marsala e di Licola. E’ stato identificato solo l’interlocutore di Marsala il sergente maggiore Loi Salvatore. Il contenuto della telefonata concerne il traffico aereo in salita sull’Ambra 13.
.
N.5
Canale 22 ore 18.53Z:
Moro: pronto?
X:  eh, pronto?
Moro: sì.
X:  cosa facciamo? Il reale a chi?
Moro: (mi senti?)
X:  voi?
Moro: no, il reale... aspetta che parlo con Sasso, eh.
X:  sì, mi fai sapere allora?
Moro: sì.
 La telefonata intercorre tra il sito di Marsala e Siracusa. Gli interlocutori presumibilmente sono degli avieri. La telefonata riguarda la preparazione all’esercitazione Synadex.
.
Nr.6
Canale 18 ore 18.54Z:
Moro: sì?
X:  (Kilo) Mike Charlie 758 Boeing 7.20, Malta (Nottingham),
(inc.) (Bravo) 19.08.
Moro: che ora?
X:  19.08.
Moro: kappa.
X:  November 71206, Charlie 12, Sigonella Sigonella.
Moro: che fa?
X:  Sigonella Sigonella.
Moro: sì.
X:  (Reggio Calabria) 19.00, ciao.
Moro: kappa...altro? Pronto? Testa di cazzo.
 La telefonata intercorre tra il sito di Marsala e Licola. E’ stato identificato il sergente maggiore Loi Salvatore di Marsala. La telefonata riguarda il traffico aereo in salita ed in discesa.
.
Nr.7
Canale 18 ore 18.55Z:
Moro: pronto?
X:  pronto?
Moro: che c’hai sulla 18 in discesa?
X:  Alitalia, Alitalia...Alpha Golf 265.
Moro: Friendly?
X:  sì, sì.
Moro: kappa, 265?
X:  sì, 265.
Moro: vabbè.
 La telefonata intercorre tra il sito di Marsala e Licola. E’ stato identificato solo l’interlocutore di Marsala il sergente maggiore Loi Salvatore. La telefonata riguarda il traffico in discesa sull’Ambra 18.
.
Nr.8
Canale 22 ore 18.58Z:
X:  sì?
Moro: senti per l’amico mio, e passa con te alle nove?
X:  vabbè. Mo metto (inc.) vabbè ciao.
Moro: ok ciao.
X:  sì?
Moro: sì, mettiti d’accordo co’ Sasso, pa...
X:  va bene.
Moro: passi con lui, ciao.
X:  quando (sei), noi siamo pronti eh.
Moro: sì, va bene.
 La telefonata intercorre tra il sito di Marsala e la sala operativa del 3° SOC E’ stato identificato solo l’interlocutore di Marsala il sergente maggiore Vitaggio Giuseppe. La conversazione telefonica concerne il contatto avuto dall’operatore di Marsala con Sasso (SOC - Martina Franca) e successivamente con Siracusa in relazione all’esercitazione Synadex programmata per le ore 19.00Z.
.
Nr.9-10
Canale 22 ore 19.00Z:
Moro: sì avanti?
X:  sì, il (TST) che fa, lo dobbiamo mettere?
Moro: aspetta un momento.
X:  sì...
Moro: pronto?
X:  sì.
Moro: sì, ti devi passare con Sasso.
X:  sì, l’ho capito, dico ma il (TST per il MiG) lo mettiamo?
Moro: eh, il (TST)? Aspetta che parlo con... aspetta eh?...
Canale 22 ore 19.03Z:
Moro: no, niente lascia stare, eh.
X:  e me lo potevi dire che so’ rimasto col telefono...
Moro: eh, ho dovuto...
X:  ok, allora niente (TST)?
Moro: eh, ho dovuto...
X:  ok, allora (TST)?
Moro: sì, sì
X:  vabbuo’.
 Le conversazioni intercorrono tra il sito di Marsala e Siracusa. Gli interlocutori sono il sergente maggiore Vitaggio e il sergente Arena. Nel corso della telefonata, i periti fonici, Giordano-Rossi e Franco+2, hanno trascritto la frase attribuita al sergente Arena di Siracusa così come di seguito: «Sì, l’ho capito, dico ma il (TST per il MiG.) lo mettiamo?». Riascoltando più volte la telefonata ed in particolare questa frase, si percepisce che il sergente Arena non pronuncia la parola «MiG» bensì l’«EX» che altro non è che il termine abbreviato di esercitazione.
 La sigla TST si riferisce alla Tabella Situazione Tracce che in un sito fonetico manuale, come appunto Siracusa, veniva utilizzata per la visualizzazione delle tracce identificate. Con quella frase il sergente Arena sembra verosimile che chiedesse al suo interlocutore dove mettere la tabella situazione tracce cioè il TST.
Nota dell'autore
Proprio l'Avv. Carlo Taormina dopo l'ascolto di questa telefonata sostenne che la parola pronunciata fosse "LEX" e non "MIG".
Il giudice istruttore dell'epoca, dott. Bucarelli, affidò la "perizia fonica" al professor Giovanni Ibba e all'ing. Andrea Paoloni che esamineranno il nastro presso il Laboratorio di Acustica di Via B. Castiglione 59 - Roma, depositando una perizia che così recita:
- Le parole (TST) e (MIG), oggetto di specifica indagine, sono state da noi interpretate come tali, ma con diverso grado di probabilità. In base alle caratteristiche acustiche del segnale si può considerare come corretta l'interpretazione della sigla "TST", mentre la parola "MIG" da luogo a differenti possibili interpretazioni, anche se con probabilità inferiori rispetto all'interpretazione "MIG" che, a nostro avviso, è la più attendibile.
.
Nr.11
Canale 18 ore 19.04Z:
Moro: sì? Pronto?...Pronto?...Pronto?
X:  pronto?
Moro: pronto?
X:  sì.
Moro: senti, un’informazione.
X:  volevi fare?
Moro: voglio un’informazione.
X:  dimmi.
Moro: io qua sto controllando un pallone.
X:  dagli un paio di calci!
Moro: eh.
X:  e fai un gol (vedi tu).
Moro: e qua come… in un elenco che c’ho qua io, dovrebbe essere
fatto Kilo Alpha 11 e designato Kilo.
X:  il pallone?
Moro: eh, il velivolo adibito al test scientifico, pallone razzo, velivolo non pilotato, giusto?
X:  ma non lo so in questo momento, ma normalmente non l’abbiamo fatto, può darsi che adesso si fa, c’hai qualche disposizione tu?
Moro: no, io qua c’ho un elenco su sulle cose no, e mi ritrovo pure questo.
X:  Kilo Alpha 11?
Moro: eh, vedi se mi puoi dare qualche informazione.
X:  poi ti faccio sapere, eh.
Moro: vabbè ciao...avanti?
 La telefonata intercorre tra il sito di Marsala e la sala operativa del 3° SOC. E’ stato identificato solo l’interlocutore di Marsala, il sergente maggiore Loi Salvatore. La telefonata riguarda l’identificazione di un pallone - sonda.
Nota dell'autore
Il Sergente Loi si riferisce alla famosa traccia "KA011" fornendo una spiegazione di comodo (pallone sonda) mentre abbiamo visto che "KA" è l'identificatore della stazione radar Nadge di Torrejon, in Spagna. Inoltre il Sergente Loi parla di questa traccia ben tre ore e mezza prima che essa appaia sul suo radar.
.
Nr.12 
Canale 18 ore 19.07Z:
Moro: dimmi.
X:  allora Kilo Alpha 11.
Moro: ok grazie.
X:  ciao.
Moro: aho, Kilo sempre?
X:  sì sempre Kilo.
Moro: vabbè.
X:  Kilo Alpha 11.
Moro: ok, ciao.
X:  uhè.
Moro: aho.
X:  Campo rimane molto con noi? Non lo sai?
Moro: non lo so doveva fini’ adesso, credo.
X:  ok ciao.
Moro: ciao, aho, no, no, no, aho?
X:  sì.
Moro: stiamo iniziando adesso noi.
X:  sì, sì, ok, sta con noi Campo?
Moro: sì, sì kappa.
X:  ok.
Moro: ciao.
X:  ciao.
E’ la risposta alla telefonata nr.11.
Nota dell'autore
L'ignoto interlocutore richiama il Sergente Loi per confermare che si, i palloni sonda, i velivoli adibiti a test scientifici etc. si designano con KA011.
.
Nr.13
Canale 22 ore 19.07Z:
Moro: dimmi?
X:  come (fini’, poi?)
Moro: com’è finita? Bene, perché?
X:  perché noi siamo pronti qua.
Moro: eh noi pure.
X:  quando dite voi noi iniziamo... oh?
Moro: sì, sì ti faccio sapere appena... no, (Peppi’) (inc.)…
 La telefonata intercorre tra i siti di Marsala e Siracusa. Gli interlocutori sono il sergente Abate ed il sergente Arena. Il contenuto della telefonata concerne l’inizio dell’esercitazione Synadex. 
.

Nr.14
Canale 10 ore 19.10Z:
Moro: Sasso?...Sasso? (verso l’interno - non si sente niente)Sasso?… Sasso…Sasso?…Sasso…Sasso?…Sasso…Sasso...? Sasso…? (dall’interno si sentono due uomini dire:)
X1:  (inc.) gli ho detto di chiudere, il tenente (Giordano)…
X2:  (inc.)…
X1:  eh… gli ho detto di chiudere...
X2:  (inc.) X1 - ma che è colpa mia? Io ho detto (inc.)...eh (inc.)…
X2:  ma che dobbiamo andare in gavetta, tenente?
X1:  no, no...
Le voci diventano completamente incomprensibili. E’ un tentativo di telefonata che effettua il sito di Marsala con la sala operativa del SOC. L’operatore di Marsala presumibilmente è un aviere. Tra le voci interne alla sala operativa di Marsala si percepisce la presenza in sala del tenente Giordano Avio, TPO.
.
Nr.15
Canale 22 ore 19.10Z:
X:  sì?
Moro: ti faccio sapere io appena... abbiamo dei problemi, eh.
X:  ah, avete problemi?
Moro: sì, sì
X:  vabbuo’, ciao.
 La telefonata intercorre tra il sito di Marsala e Siracusa. E’ stato identificato solo l’interlocutore di Marsala sergente Abate. Il contenuto della telefonata e relativo all’inizio dell’esercitazione. L’operatore di Marsala riferisce: «ti faccio sapere io appena ... abbiamo dei problemi».
.

Nr.16 
Canale 22 ore 19.12Z:
X:  sì?
Moro: eh, fai mettere qualcuno al (teller) per favore... mi senti?
X:  eh, sul… fonetico? Il (inc.)?
Moro: no, no, sul (Teller), via filo
X:  eh!
Moro: vabbuo’?
X:  io...io posso darti il traffico reale?
Moro: sì, sì
X:  eh, vabbè ciao
Moro: ciao.
La telefonata intercorre tra il sito di Marsala ed il sito di Siracusa. Gli interlocutori sono, presumibilmente, avieri. Il contenuto della telefonata concerne l’inizio dell’esercitazione.
.
Nr.17
Canale 10 ore 19.13Z:
Moro: (verso l’interno - la quota in simulato non serve, e il ...aspetta… sta qui, e no perché le tracce in penetrazione le damo, quelle...eh? No? Come in quota? Questo è stato?) Pronto? (verso l’interno - va buo’, la quota lo può dare sempre (inc.) Pronto? (verso l’interno - come?... Ma se parte in simulato non ven...)
X:  Moro?
Moro: (verso l’interno - okay!) Pronto? ... Mi sente? Pronto, mi ricevi?… Va buo’, a posto, fra un pò ti chiamo…
X:  (inc.)
Moro: eh, c’è qualcosa in corso.
X:  (inc.)
Moro: eh?
X:  (inc.)
Moro: no, per ora no, fra un pò ti chiamo, ciao!
X:  (ciao).
 E’ un tentativo di telefonate tra il sito di Marsala e la sala operativa del 3° SOC Gli interlocutori presumibilmente sono degli avieri.
.

Nr.18
Canale 18 ore 19.13Z:
Moro  pronto?
Palermo: senti una cortesia Moro, siccome c’è l’Itavia 870, da Bologna a Palermo che ha perso la... Roma ha perso il contatto radio.
Moro: sì.
Palermo: e noi praticamente abbiamo anche chiamato, ma non abbiamo ricevuto nessuna risposta, io vorrei sapere se tu sui tuoi schermi, ci hai una traccia che dovrebbe essere all’incirca su Papa Romeo Sierra, o almeno dall’Ambra 13, nei paraggi Papa Romeo Sierra, dalla, dal nord Ambra 13 Bravo?
Moro: io, no, io ne controllo una che sta sulla 13 Alpha, ha lasciato la 13 Alpha adesso.
Palermo: uno che ha lasciato la 13 Alpha adesso?
Moro: eh!
Palermo: a che livello?
Moro: livello... te lo dico subito, aspetta un attimo...(verso l’interno - prendi questa quota).
Palermo: come?
Moro: aspè, no non parlo con te ... non dovrebbe essere…
Palermo: mi senti?
Moro: sì, sì
Palermo: la quota?
Moro: sta a 35.
Palermo: quanto? 
Moro: 35.
Palermo: sarebbe 350?
Moro: eh!
Palermo: no, non è questo.
Moro: no, (inc.)
Palermo: Comunque senti, una cortesia, occhi aperti, per piacere, vedi se riesci a…
Moro: sì, sì, senti qua, a che ora doveva arrivare a Palermo?
Palermo: ma guarda doveva arrivare agli 11, e Roma ai 13, mi dice Roma quindi dovrebbe essere all’incirca qua sopra,
Moro: va bene
Palermo: o magari è nelle ... viene come instradamento dall’Ambra 13 Bravo, no?
Moro: sì
Palermo: quindi mi fai un piacere, se vedi qualche traccia me lo fai sapere subito, eh!
Moro: va bene.
Palermo: ciao, grazie.
Moro: ciao.
 La telefonata intercorre tra l’aeroporto di Palermo Punta Raisi e il sito di Marsala. L’interlocutore di Marsala è il sergente maggiore Loi. Il contenuto della telefonata riguarda la comunicazione da parte di Palermo a Marsala che l’Itavia 870, non risponde più alle chiamate effettuate da Roma.
.

Nr.19
Canale 13 ore 19.14Z:
Moro: dimmi?
X: Marsala senti, lo vedi tu il traffico che dovrebbe stare su Palermo adesso?
Moro: su Palermo?
X: sì, Inbound a Palermo, in ogni modo, dall’Ambra 13 Inbound a Palermo da Nord.
Moro: eh, che… 
X:  sì? 
Moro: sull’Ambra 13 adesso?
X:  sta sull’Ambra 13 Inbound a Punta Raisi.
Moro: sì, sì.
X:  (lo vedi?)
Moro: sì… lo vedo. 
X:  a che distanza, circa da Punta Raisi? 
Moro: aspetta... 100 miglia. 
X:  100 miglia da Punta Raisi? No allora non è lui.
Moro: non è lui.
X:  dovrebbe stare sulle 20 miglia da Punta Raisi, adesso 15 circa
Moro: eh, no non lo vedo più, allora. 
X:  non lo vedi?
Moro: no, è nel cono d’ombra. 
X:  va bene, grazie.
Moro: ciao. 
X:  ciao. 
 La telefonata intercorre tra la sala operativa di Marsala e la sala operativa di ACC di Ciampino. L’interlocutore di Marsala è il sergente maggiore Vitaggio. Il contenuto della telefonata concerne una richiesta di Ciampino circa il traffico che Marsala dovrebbe vedere su Palermo.
.
Nr.20
Canale 22 ore 19.15Z:
Moro: dimmi? 
X:  sempre io, allora io aspetto ordini per iniziare la li, il (coso).
Moro: sì, sì, sì, sì, ti richiamo io eh!
X:  ok ciao.
Moro: ciao. 
 La telefonata intercorre tra Marsala e Siracusa. L’operatore di Marsala è il sergente maggiore Vitaggio.
.

Nr.21
Canale 22 ore 19.16Z:
Moro: sì?
X:  senti.
Moro: oh!
X:  c’è un India Hotel 870.
Moro: come?
X:  India Hotel.
Moro: eh!
X:  che doveva arrivare a Palermo ai tredici, … 
Moro: eh!
X:  e noi non sappiamo...
cade linea
 La telefonata intercorre tra il sito di Marsala e la sala operativa del 3° SOC. L’operatore di Marsala è il sergente maggiore Loi.
.

Nr.22
Canale 18 ore 19.17Z:
Moro: (verso l’interno - eh lo so, lo so, che vedi tracce tu su Palermo? -X- dell’interno - no - e vedi un po’, no!)
X:  hallo?
Moro: senti, tu hai avuto un India Hotel 870.
X:  da dove scusa? 
Moro: da Roma a Palermo, da Bologna a Palermo.
X:  no! 
Moro: non hai (controllato) niente che scendeva?
X:  scendeva, io ci ho adesso...
Moro: sulla 13 Bravo adesso che ci hai?
X:  eh, la 26 (5) (inc.)
Moro: uhm, 265...eh, non è questo. 
X:  eh?
Moro: no è questo.
X:  eh, non lo so chi è no l’hanno…
Moro: e prima di questo cos’era?
X:  prima di questo? 
Moro: eh!
X:  senti c’era una 262?
Moro: la 262.
X:  eh!
Moro: prima di questa? Il tipo non lo sai?
X:  no.
Moro: e adesso sulla 13, come si chiama?
X:  265.
Moro: 265 (dall’interno X che tipo è... - Moro verso l’interno - un DC9).
 La telefonata è tra il sito di Marsala e Licola. L’operatore di Marsala è il sergente maggiore Loi, non è stato possibile identificare quello di Licola. L’operatore di Marsala ricevuta la notizia da Palermo chiama Licola e chiede se hanno identificato l’IH870. L’operatore di Licola risponde negativamente, precisando che il traffico controllato fino a quel momento era una traccia con la sigla AG265 e ancor prima la traccia con sigla AG262. Risulterà che la prima traccia è relativa ad un volo Roma - Palermo che scende sull’Ambra 18, la seconda, invece, era il velivolo dell’Air Malta che scendeva sull’Ambra 13, cioè la stessa aerovia del DC9 Itavia.
.
Nr.23
Canale 13 ore 19.18Z:
Palermo: pronto... Pronto?
Moro: aho!
Palermo: hai chiamato?
Moro: che ci hai in contatto l’India Hotel 870? 
Palermo: prego?
Moro: che ci hai in contatto l’India Hotel 870?
Palermo: no, io non sono Palermo, se l’avessi avuto in contatto te l’avrei detto.
Moro: ah, ma lo stai chiamando pure tu?
Palermo: eh, provo pure io sulla... (con què), sulla (inc) dimmi? 
Moro: (senti un po’), (inc.) ma che è un DC9 o un F28?
Palermo: ma è un DC9, (penso).
Moro: DC9? (verso l’interno - sì, sì dell’Itavia)
Palermo: ce l’hai?
Moro: no, noi lo stiamo chiamando sulla guardia, ma non (risponde).
Palermo: eh, prova sempre.
Moro: (verso l’interno - ma che...) come?
Palermo: pronto?
Moro: (verso l’interno - no, lo stiamo cer...) aho.
 L’operatore di Marsala è il sergente maggiore Loi. Il sottufficiale sente chiamare e crede che sia il velivolo a chiamare, invece è l’aeroporto di Palermo.
.
Nr.24
Canale 13 ore 19.22Z:
Moro: Moro
Palermo: pronto?
Moro: sì?
Palermo: senti, chiama India Hotel 870.
Moro: come?
Palermo: chiama India Hotel 870, e digli di inserire l’emergenza. 
Moro: eh, ma se non ci riceve?... posso provare.
Palermo: eh, puoi provà... e intanto prova a dire, a dire questo e vediamo.
Moro: vabbè (inc).
L’operatore di Marsala è il sergente maggiore Loi. L’aeroporto di Palermo chiede a Marsala di chiamare il DC9 e riferirgli di inserire l’emergenza.
.

Nr.25
Canale 22 ore 19.23Z:
X:  sì?
Moro: pronto? Senti, vedi che Roma non sente più India Hotel 870.
X:  un attimo.
Moro: era un DC9 da Roma a Palermo.
X:  un attimo.
Moro: Roma non sa più nie, non sa niente di questo, e dovreste avvisare il soccorso.
X:  sì un attimo, dammi il nominativo.
Moro: India Hotel 870.
X:  un attimo mi devi dare tutti i dati, un attimo solo.
Moro: (verso l’interno - oh, chiedi conferma se Roma o Palermo, Abate? Chiedi conferma se Roma o Palermo. Fatti dare tutto).
X:   senti?
Moro: sì.
X:  India Hotel 870, no? 
Moro: sì, è un DC9.
X:  Roma Palermo, che questo sai qualche stimato? 
Moro: aspetta un attimo (verso l’interno - oh (Ciccillo), fatti dare lo stima…lo stimato, fatti dare lo stimato...) Bologna Palermo - Bologna Palermo?
Moro: sì.
X:  che c’è il capitano Ballini? 
Moro: spè... mò ti do lo stimato aspè, Punta Raisi ai tredici
X:  ai tredici, 19.13?
Moro: 19.13, sì.
X:  senti, voi lo avete avvistato questo?
Moro: eh, no, negativo.
X:  negativo...si passa il capitano Ballini, lo vuole il capitano Patroni.
Moro: un attimo...sì.
X:  (urgente, eh)...
Patroni: pronto? Pronto? Pronto? (verso l’interno ma Roma controllo (inc.).
Ballini: pronto? 
Patroni: pronto Ballini?
Ballini: sì, dimmi? 
Patroni: senti un po’ per questo DC9 qui. 
Ballini: eh, dunque a questo punto non lo so che dirti, spero. 
Patroni: non è, non è stato avvisato da voi? 
Ballini: macché lo siamo. 
Patroni: con noi, lo pas...il controllo, questo qua…l’ultimo contatto dove è avvenuto? 
Ballini: eh, non lo so, il controllo ci ha detto che doveva essere molto sotto Palermo.
Patroni: senti un po’ Ballini, eh credi necessario interrompere la Synadex? 
Ballini: sì, sì, sì infatti la stiamo interrompendo.
Patroni: do, lo stop Synadex adesso, eh? 
Ballini: ok ciao. 
Patroni: eh poi ci risentiamo, ciao. 
Ballini: sì, sì.
 Questa è la prima volta in cui si sente parlare il capo controllore di Marsala, capitano Ballini. Nelle ultime battute si evince che è stato il capitano Patroni Griffi a chiedere l’interruzione della Synadex e gli viene risposto che sta per essere interrotta. Invece l’esercitazione era già stata interrotta alle 19.22Z, così come risulta dal tabulato console data Recording.
.
Nr.25 bis
Canale 13 ore 19.24Z:
Roma:  Marsala?
Moro: allora ha saputo niente per l’India Hotel 870?
Roma: niente, niente
Moro: e noi stiamo avvertendo il soccorso comunque eh
Roma: aspetta un attimo, (aspetta) che ti passo il supervisore, aspetta...
Roma1: pronto?
Moro: senti, noi stiamo avvertendo il soccorso per l’India Hotel 870
Roma1: scusa non ti sento! 
Moro: mi chiami, richiamami tu, cosi’…
Cade la linea
Moro: Pronto? 
Roma: adesso ti sento.
Moro: eh, allora l’Itavia eh…
Roma: (sì)
Moro: l’Itavia 870 che era diretto a Palermo?
Roma: sì a Palermo, da Bologna a Palermo.
Moro: Bologna - Palermo, e a che ora stimava Palermo?
Roma: stimava Punta Raisi alle tredici, uno.
Moro: 1,9,3, zer eh 19.13.
Roma: sì.
Moro: Punta Raisi ai tredici, siccome.
Roma: (inc.)
Moro: eh siccome noi stavamo avvertendo il soccorso, no.
Roma: avverti il soccorso, ma sempre facendo ugualmente (inc. per sovrap. voci).
Moro: comunque senti, dietro a questo noi controlliamo un velivolo no.
Roma: (inc.) (2)?
Moro: ok a (inc.).
Roma: lo controllate?
Moro: sì, lo controlliamo, dovrebbe stare davanti no?
Roma: eh?
Moro: dovrebbe stare davanti?
Roma: (inc.).
Moro: eh, guarda, possiamo, possiamo chiedere al a questo qua che sta di dietro se lo conosce.
Roma: comunque guarda, noi su quella rotta avevamo prima un Air Malta (inc.).
Moro: eh!
Roma: poi dietro ce n’era un altro, ma altri non ne hanno, questo.
Moro: senti, mi dai il nominativo di quello che sta adesso su Palermo? In caso lui l’ha visto, (passa).
Roma: Kilo Mike (153).
Moro: Kilo Mike, tu lo puoi chiamare?
Roma: (certo)
Moro: eh chiamalo e chiedigli se in caso lui.
Roma: non ti sento che gli devo dire?
Moro: eh, se lui in caso ha visto qualcosa, l’ha visto, hai capito? Roma?
Roma: sì, sì che gli devo dire?
Moro: se ha visto ‘sto India Hotel 870.
Roma: no, glielo abbiamo chiesto sedici volte! 
Moro: e lui che ha detto no?
Roma: lui ha detto anche che ha sentito parlare in italiano ma probabilmente erano le chiamate a …
Moro: nostre
Roma: sì, che stavamo facendo noi.
Moro: eh!
Roma: (inc.)
Moro: ok.
Roma: noi abbiamo interessato tutti, non solo lui, ma ce n’era un altro
Moro: (verso l’interno questo qua) sì, aspetta un momento Roma (verso l’interno hanno chiamato, Roma, questo qua ha chiamato. Roma l’ha chiamato, no? Un Kilo Mike, e gli ha chiesto se in caso ha visto questo aereo che stava cercando, però non ha visto niente, però ha sentito parlare e non sa se eravamo noi... un uomo dall’interno: X - dica a questo aereo di richiamarci) senti.
Roma: sì.
Moro: digli di, di, di chiamare a Roma 4, sul sulla guardia.
Roma: va bene.
Moro: eh, di chiamare il radar, di chiamare qui noi sulla, sulla guardia, sulla guardia.
Roma: (sì).
Moro: sulla guardia.
Roma: 121 e 5.
Moro: eh!
Roma: vabbè un attimo.
Moro: no, no eh, vabbè 121 e 5!
 L’operatore di Marsala è il sergente Abate, quello di Ciampino è il supervisore capitano Grasselli. Quest'ultimo riferisce che ha già chiamato il KM153, l’aereo maltese, ma che questi non ha visto né sentito nulla. Su richiesta di Marsala Ciampino chiederà al velivolo maltese di mettersi in contatto sulla «guardia» con Marsala.
.
Nr.26
Canale 22 ore 19.26Z:
X:  pronto?
Moro: senti, stop Synadex, dai tredici.
X:  stoppo
Moro: sì, sì
X:  a che ora?
Moro: eh?
X:  a che ora
Moro: dai tredici
X:  ai tredici?
Moro: sì, sì
X:  vabbuò, (Kappa)
Moro: e passate con noi eh
X:  va bene, ciao
Moro: ciao.
 La telefonata è tra il sito di Marsala e Siracusa. L’operatore di Marsala è il sergente maggiore Vitaggio. La telefonata è relativa al fermo dell’esercitazione Synadex.
.

Nr.27
Canale 13 ore 19.28Z:
Moro: Stop Synadex.
Palermo: Pronto Moro?
Moro: vedi noi stiamo, abbiamo avvertito il soccorso eh!
Palermo: avete avvertito il soccorso?
Moro: eh, poi ci sta un Kilo Mike che attualmente sta su di voi, che mo’ ci chiama vediamo se lui ha sentito qualcosa (inc.).
Palermo: va bene, chiamate a questo qui e vediamo se ha sentito qualcosa.
Moro: sì.
Roma: Marsala?
Moro: Roma?
Roma: sì
Moro: senti, per cortesia, mi puoi dare la posizione, l’ultimo contatto con l’India Hotel?
Roma: con l’India Hotel, guarda, guarda questa qui... ha riportato a 115 miglia da Palermo.
Moro: eh.
Roma: a 250.
Moro: da Papa Alpha Lima a 250 livellato.
Roma: sì, sì stava.
Moro: allora 115 miglia da Palermo.
Roma: sì. 
Moro: ok ciao.
Roma: ciao.
 L’operatore di Marsala è il sergente Abate che chiede a Palermo notizie sulla posizione dell'ultimo contatto con il DC9 e gli comunica che il KM, cioè l’aereo maltese, stava tentando di contattare l’aereo scomparso.
.

Nr.28
Canale 18 ore 19.28Z:
Moro: (durante il segnale di libero: e ma sei un bastardo, testa di cazzo, marsalese bastardo!)
X:  pronto?
Moro: pronto?
X:  eh 
Moro: vuoi dire a Lima che mi risponda, per favore? 
X:  e te la prendi con me?
Moro: pronto?
X:  dimmi?
Moro: senti quel ... tu hai trasmesso qualche India Hotel prima al come si chiama, a Barca?
X:  e te che centri con l’India Hotel, se quello veniva da Bologna, l’ho trasmesso a Poggio Ballone no?
Moro: eh!
X:  che c’entri tu? 
Moro: eh, l’hai trasmesso a Poggio.
X:  penso di sì, l’avranno trasmesso. 
Moro: vabbè, siccome qua lo volevamo sapere, mi ha chiesto il settore a me.
X:  cioè, ma queste so fesserie in confronto a quello che: se l’ho trasmesso o meno mo’.
Moro: eh!
X:  eh!
Moro: e te lo… te lo chiedo non ti ... eh!
X:  ma perché non.. non avete niente voi in contatto, no niente? 
Moro: no, no, niente.
X:  eh è cascato mi sa, eh!
Moro: vabbò, ciao. 
 La telefonata è tra il sito di Marsala e il NIMA di Ciampino. L’operatore di Marsala è il sergente maggiore Loi. Nella trascrizione dove i periti fonici scrivono «LIMA» si deve leggere «NIMA» (Nucleo Informazioni Movimento Aeromobili). Loi chiede al NIMA se avevano trasmesso il piano di volo del DC9 a Barca (Licola). L'operatore del NIMA risponde che l’avevano trasmesso a Poggio Ballone.
.
Nr.29
Canale 15 ore 19.36Z:
Moro: sì (inc.).
X:  Sardo?
Moro: oh!
X:  quella che va a Malta come si chiama?
Moro: Alpha Golf 262 Boeing.
X:  Alpha Golf 262 Boeing?
Moro: sissignore.
X:  ok, momentaneamente ci ho solo quella io.
Moro: sì, va bene, ok, adesso il permutatore ha fatto cambiare il collegamento.
X:  sì, grazie, ciao.
 La telefonata è tra il sito di Marsala e Siracusa. L’operatore di Marsala è il maresciallo Sardu Mario. Siracusa chiede a Marsala qual’è il nominativo dell’Air Malta e gli viene risposto che è l’AG262.
.

Nr.30
Canale ore.19.37 - Belluomini (B) e Maria (M)
omissis…
B:  no, perché l’esercitazione non la facciamo più, ora io lavoro dalle 10 alle 11.
M:  ora non state lavorando?
B:  adesso no.
M:  allora che fai te?
B:  ho finito di mangiare.
omissis...
B:  non abbiamo telefo...ehi!... Non abbiamo lavorato perché ci sta un apparecchio, un DC9 che veniva da Bologna a Palermo che hanno perso il contatto radio, no?
M:  e che fa?
B:  e forse è caduto.
M:  davvero!
B:  e quindi non abbiamo più fatto l’esercitazione per vedere se lo troviamo.
M:  ho capito.
B:  per questo capito?
 La telefonata è a carattere privato tra il 1° aviere Belluomini e la fidanzata. Nel corso della telefonata l'aviere riferisce che non hanno più fatto l’esercitazione in quanto dovevano ricercare un aereo che aveva perso il contatto radio.
.
Nr. 31
Canale 15 ore 19.52Z - Moro e Gari (21° SOC)
Moro: sala operativa.
Gari:  ah, sono il capitano Gari, buonasera, chi è il capo controllore?
Moro: Ballini.
Gari:  me lo passi per cortesia?
Moro: aspetti un pò ...
Gari:  eh, ma deve essere urgente, è una cosa urgente…
Moro: (verso l’interno: (inc.) è il capitano Gari del 21° SOC Gari) pausa - (varie voci di fondo inc.).
Moro: pronto?
Gari:  pronto?
Moro: e dunque il capitano Ballini attualmente sta impegnato là con la ronda.
Gari:  con chi?
Moro: con la ronda, è impegnato, quindi dice che fra poco le telefona lui
Gari:  chi parla?
Moro: eh? Va bene.
Gari:  chi sei?
Moro: io?
Gari:  sì.
Moro: (Sardegnolo)
Gari:  chi sei?
Moro: (Sardo)
Gari:  ah, ciao, senti (Sardo).
Moro: sì.
Gari:  mi devi fa’ una cortesia urgente, devi telefonare con la diretta
Moro: sì
Gari:  alla torre di Punta Raisi.
Moro: io devo telefonare urgente a Punta Raisi?
Gari:  sì, e deve chiedere se è atterrato, oppure se sanno qualcosa del … dell’Hotel
Moro: dell’Itavia?
Gari:  eh, dell’Itavia, sì ò.
Moro: e ancora non sanno niente a Palermo.
Gari:  non sanno niente?
Moro: niente di niente.
Gari:  ho capito, senti (Sardo) 
Moro: sicuramente è sceso.
Gari:  se sapete qualcosa mi telefoni qui su questa linea.
Moro: sì, sì, va bene.
Gari:  ciao.
 La telefonata è tra il sito di Marsala e Poggio Ballone. L’operatore di Moro è il maresciallo Sardu. L’ufficiale di Poggio Ballone chiede del capo controllore, capitano Ballini, per una questione urgente. Gli viene risposto che è impegnato con la «ronda». Solo in data 02.02.96, in sede di confronto tra il maresciallo Sardu e il capitano Ballini, verrà accertato che l’ufficiale era presente in sala e che venne data quella risposta in quanto Ballini non voleva parlare con l’MC di Poggio Ballone.
.
Nr.32
Canale 15 ore 21.54Z: (Moro) tenente Giordano e (X) capitano Gari.
Moro: (verso l’int.: c’è il tè) … Pronto? 
Gari:  chi è?
Moro: tenente Giordano.
Gari:  tenente Giordano?
Moro: eh?
Gari:  sono il capitano Gari, senta s’è saputo niente di quell’Itavia? 
Moro: no, non abbiamo sa...
Gari:  eh?
Moro: un attimo, eh
Gari:  pronto?... Pronto, mi sente?
Moro: pronto?
Gari:  pronto? 
Moro: eh, negativo ancora
Gari:  non sapete niente? 
Moro: non sappiamo niente di preciso.
Gari:  niente!
Moro: questo qua, cioè sappiamo solo che era partito regolarmente da Ciampino da Roma.
Gari:  ho capito, a Palermo non è arrivato?
Moro: come?
Gari:  a Palermo non è arrivato?
Moro: no, no.
Gari:  vabbuò.
Moro: vabbuò.
 La telefonata è tra il sito di Marsala e Poggio Ballone. L’operatore di Marsala è il tenente Giordano Avio. Anche in questo caso viene riferita, al capo controllore di Poggio Ballone, una notizia inesatta, cioè che l’aereo è partito da Roma e che Marsala non sa null’altro.
.

Nr.33
Canale 18 ore 21.52Z:
X:  pronto?
Moro: pronto?
X:  eh
Moro: che ci hai su Ponza... ci ho un Alpha Kilo 670,una Zombie.
X:  676…
Moro: 670…
X:  chi te l’ha data?
Moro: me la stanno mandando in cross qua. 
X:  allora falla Zombi Alpha Kilo 676...
Moro: 376.
X:  Boeing… Boeing, 676 e vabbè Boeing 707... Mike Sierra 780... Londra Cairo.
Moro: Kappa.
X:  dietro poi a questa Zombi ci sta una Friendly Lima Lima 421
Moro: Kappa.
X:  se questi ne fanno un’altra Zombi, digli che è Friendly, che è questo Air France non Zombi.
Moro: eh, è Friendly.
X:  la Zombi è una sola.
Moro: eh…
X:  ciao.
Moro: ciao.
.
Nr.34
Ore 21.54Z - Moro e X:
Moro: (verso l’int.: Atlantic si ... eh, cazzo!)
X:  sì.
Moro: senti ce n’è uno che sta attraversando... sta scendendo verso Reggio, ha attraversato l’Ambra 18...
X:  e guarda io ce n’ho due che hanno fatto ‘sta.. ‘sto casino qua.
Moro: come si chiama?
X:  oh, la prima la fai Juliet Golf 601... ed è pure militare mi dice il (revisore).
Moro: l’altra?
X:  l’altra Friendly Alpha Golf 306 DC9 per Catania.
Moro: Alpha golf?
X:  306.
Moro: 306.
X:  Alitalia 138.
Moro: Kappa.
X:  ciao.
Moro: ciao... (verso l’int: la 403).
.

Nr.35
ore 21.57Z - Moro e X:
Moro: pronto?
X:  dimmi
Moro: pronto?
X:  ti sento
Moro: senti tu a fianco... vicino all’Alpha Kilo...676 la... ci hai la Lima Lima la 421 hai detto.
X:  eh!
Moro: questa Lima Lima 421 me la stanno mandando su Ponza.
X:  ma sta sotto Ponza... sta a 5 miglia dietro a Zombi.
Moro: e sta a 10 miglia a nord di Ponza invece... 
X:  da Catania.
Moro: e prima me la mandavano Zombi, adesso però l’hanno fatta Friendly.
X:  vabbuò, comunque qua di Zombi ce n’è una sola, eh... il resto è tutto traffico Friendly, eh.
Moro: va bene, va.
X:  ciao.
.
Nr.36
ore 22.06Z - Moro e X:
X:  dimmi.
Moro: Alghero Carbonara.
X:  Alghero Carbonara ... ma sicuro che era Carbonara?
Moro: signorsì.
X:  aspetta.
Moro: (verso l’int.: un cazzo).
Moro: ahò.
X:  ahò, pensavo che che (inc.) Alpha Mike 59,401.
Moro: come? 
X:  Mike 59,401.Charlie 141 da (Torrocion), Oscar Echo Delta Romeo, questo fece Alghero alle 21.51.
Moro: Kappa.
X:  mò fa Carbonara e poi taglia.
Moro: signorsì.
X:  ciao.
Moro: ciao.
 Le telefonate nr.32-33-34 e 35 sono tra i siti di Marsala e Licola. Gli operatori sono il sergente maggiore Loi e il sergente maggiore Gambardella. In queste telefonate emerge la presenza di un velivolo militare al quale viene attribuita la taccia con sigla JG601. In particolare sulla telefonata delle ore 22.06Z si fa riferimento a un Charlie 141, come quello che sarà oggetto di discussione nella conversazione delle ore 22.22Z - nastro D - canale 20 prima e poi 14 - di Martina Franca, in quanto questo velivolo militare a Martina Franca era stato trasmesso con il numero di traccia AJ421, cioè la stessa sigla che era stata assegnata al DC9 dell'Itavia. Questo numero di traccia, si appurerà, non risulta sul tabulato di riduzione dati di Marsala in quella fascia oraria, cioè tra le ore 21.50Z e le 22.30Z, ma soltanto tra le ore 18.53Z e 18.59Z ed in questo caso identifica il DC9 Itavia. Dalla conversazione tra gli operatori non si evince il numero di traccia.
.

Nr.37
Canale 22 ore 19.30Z Vitaggio e Ballini da Moro e Patroni Griffi da Sasso.
Vitaggio: pronto?
Patroni: sono Patroni Griffi, chi è?
Vitaggio: sergente maggiore Vitaggio.
Patroni: senti un pò con Palermo poi avete pa... avete contattato?
Vitaggio: sì, sì.
Patroni: cosa di dice Palermo.
Vitaggio: Palermo non l’ha avuto mai in contatto.
Patroni: mai avuto in contatto?!
Vitaggio: sì.
Patroni: quindi voi neanche l’avete controllato mi confermate?
Vitaggio: no, confermiamo che non l’abbiamo mai controllato. 
Patroni: mai controllato, nè Palermo ha avuto nessun contatto?!
Vitaggio: nessun contatto.
Patroni: ma con col controllo di Roma avete.
Vitaggio: un attimo che il capitano Ballini ci ha delle... un attimo.
Patroni: sì.
Ballini: pronto?
Patroni: dimmi Ballini.
Ballini: allora guarda Roma mi ha dato l’ultimo contatto a... sulla radiale da Papa Alpha Lima.
Patroni: Papa Alpha Lima.
Ballini: 177.
Patroni: 77.
Ballini: 115 miglia.
Patroni: 115 miglia.
Ballini: livello 250.
Patroni: 250...
Ballini: era sull’Ambra 13 in discesa.
Patroni: Ambra 13 in discesa, a che ora questo?
Ballini: e un attimo (verso l’int.:Abate, si faccia dire a che ora è stato l’ultimo contatto)... eh, Patroni Griffi?
Patroni: dimmi Ballini.
Ballini: senti io ho chiamato un Kilo Mike, un civile e che era su Palermo e l’ho fatto chiamare in frequenza questo... Itavia.
Patroni: sì.
Ballini: e mi ha detto che non ha avuto nessun contatto.
Patroni: nessun contatto.
Ballini: non lo so, il soccorso che deve fare?
Patroni: il soccorso io l’ho già allertato il soccorso, sta facendo le sue indagini per il momento, le sue azioni di competenza.
Ballini: va…
Patroni: senti un pò allora Papa Alpha.
Ballini: sì.
Patroni: radiale 177
Ballini: esatto 115 miglia.
Patroni: 115 miglia, livello 250.
Ballini: esatto, un attimo solo... (verso l’int.: a che ora è stato, ai 55?)allora l’ultimo contatto è stato ai 55 della scorsa.
Patroni: 18.55.
Ballini: esatto.
Patroni: ok.
Ballini: ciao.
Patroni: ciao.
 La telefonata è tra il sito di Marsala e la sala operativa del 3° SOC. Questa è la seconda ed ultima volta che il capitano Ballini appare nelle registrazioni telefoniche di Marsala.
.
Nr.38
ore 19.35Z - Moro e Campo:
Campo: pronto?
Moro: ahò, eh…
Campo: e (Sardo) che fai, ti mando io un aviere?
Moro: No, senti Campo.
Campo: sì, dimmi.
Moro: guarda la Synadex è annullata, eh.
Campo: sì ah scusa, qua ci ho il collegame… sì, ma già ho ricevuto comunicazione per questo.
Moro: da chi?
Campo: da Victor Golf alle 19.19 riferito alle 19.13.
Moro: va buono.
Campo: ok?
Moro: ciao.
 La telefonata è tra il sito di Marsala e Siracusa. L’operatore di Marsala è il maresciallo Sardu. Nella telefonata si evince che l’esercitazione Synadex è stata annullata come comunicato da «Victor Golf» alle ore 19.19Z. La sigla «Victor Golf» corrisponde al sergente maggiore Vitaggio Giuseppe.
.
Nr.39
ore 20.18Z - Abate da Moro,X, X1, Fusco e Z2.
Omissis…
Abate: (inc.) senti (inc.) oh, Fusco? Abate sono un’oretta fa hai sentito qualche aereo chiamare?
Fusco: no.
Abate: eh?
Fusco: no.
Abate: non ci ha chiamati nessuno?
Fusco: (inc.)
Abate: no, perché è caduto un aereo a Palermo.
Fusco: è caduto?
Abate: eh.
Fusco: a Palermo?
Abate: eh!
Fusco: (inc.)
Abate: eh vabbè, oh, tu allora non hai sentito nessuno?
Fusco: no.
Abate: no? Ciao.
Abate: pronto?
X2:  senti, sapete a che ora la Capitaneria di Porto ha mandato fuori le sue imbarcazione?
Abate: guardi che Palermo ci ha comunicato che stavano partendo
X2:  a che ora?
Abate: eh, mo’ glielo chiedo, e mi faccio dare l’orario ti richiamo
X2:  ecco, sì, grazie, ciao.
 La telefonata è interna al sito di Marsala. Abate chiede a Fusco, sottufficiale addetto alle trasmissioni, se per caso ha sentito chiamare il DC9. Viene risposto negativamente.
.
Nr.40
ore 20.31Z - Abate da Moro e Patroni Griffi:
Moro: pronto?
Patroni: il capitano Ballini per piacere
Moro: eh, guardi è andato in questo momento al bagno.
Patroni: chi è che parla?
Moro: sergente Abate, mi dica
Patroni: Abate, di un pò, ma voi in tutto questo periodo qui avete notato traffico americano in zona?
Moro: no, no.
Patroni: nemmeno uno?
Moro: niente.
Patroni: niente?!
Moro: è de è decollato, chi è il capitano Patroni Griffi? 
Patroni: sì, sono io.
Moro: eh, è decollato quanto noi abbiamo dato... cioè quando ci avevano comunicato dal settore che stavano decollando i voli del soccorso, no?!
Patroni: sì.
Moro: quando ci hanno, ci avete detto che stavano decollando gli aerei del soccorso da Sigonella.
Patroni: sì.
Moro: è decollato il Jimmy 159139.
Patroni: e che è questo?
Moro: è un... è un Papa 3, un Atlantic probabilmente, e...
Patroni: vabbè, e allora è decollato?
Moro: eh.
Patroni: vabbè, no, non c’entra niente questo.
Moro: e da allo. E da allora non è decollato più nessuno.
Patroni: va bene, ok grazie.
Moro: niente.
 La telefonata è tra il sito di Marsala e la sala operativa del 3° SOC. Anche in questa occasione Patroni Griffi chiede del capitano Ballini. L'operatore di Marsala gli risponde che «è andato al bagno». A richiesta di Patroni Griffi, Abate senza esitazione risponde che non è stato avvistato traffico americano. Tuttavia, da testimonianze agli atti di sottufficiali ed ufficiali AM, si può affermare che il Jimmy (gergale di JM) seguito da 4 o più cifre designa il velivolo militare C141.
.
Nr.41 ore 21.10Z Muti e (Slovino)
Slovino: sì, avanti.
Muti:  tenente Muti.
Slovino: sergente (Slovino) ,dica, come va?
Muti:  va abbastanza bene.
Slovino: ok, meglio così, dica.
Muti:  no, no, volevo sentire una voce amica.
Slovino: aha ... 
Muti:  come va?
Slovino: bene, grazie bene, lei che sta facendo la notte?
Muti:  sì, sì.
Slovino: ah ... già sta in turno quindi là.
Muti:  eh ... 
Slovino: capito ... beh, che si fa di bello di là?
Muti:  che si fa di bello?!
Slovino: eh!
Muti:  e c’è il sole, c’è il mare, c’è ... c’è tutto.
Slovino: oggi che ha fatto una bella giornata là sì?!
Muti:  e sì! Ci mancherebbe qui si muore, io sto distrutto per ... per il calore qua.
Slovino: ah. … 
Muti:  mi sto sciogliendo.
Slovino: ho capito, qua invece ha fatto un piccolo temporaluccio il pomeriggio.
Muti:  e sì l’ho saputo!
Slovino: mannaggia la miseria qua ... tutte le cose strane succedono qua sotto.
Muti:  eh no, e non è strano là, è normale!
Slovino: eh, è normale ... 
Muti:  eh!
Slovino: comunque si trova bene, sì?!
Muti:  sì, sì, abbastanza bene.
Slovino: ah, ci (inc.)
Muti:  Gerardo che dice?
Slovino: Gerardo, Gerardo è smontato stamattina.
Muti:  ah!
Slovino: eh!
Muti:  non sapete niente cosa dice?
Slovino: no ... almeno io no, non lo so, quindi non ... non avrei idea nemmeno di cosa dire insomma.
Muti:  come guida caccia chi c’è?
Slovino: eh?
Muti:  come guida caccia chi c’è?
Slovino: ci sta ... Matano e Bufanieri.
Muti:  ah ... me li passi?
Slovino: e un attimo, vediamo se stanno in sala pausa.
Slovino: stanno a vedè il film Muti.
Muti:  ah!
Slovino: eh!
Muti:  ok, ci ... ci risentiremo magari.
Slovino: ok, vi auguro tante cose, ciao.
Muti:  eh ... buona ... buona notte (ride).
Slovino: altrettanto.
Muti:  ciao.
Slovino: ciao, ciao.
 La telefonata è tra il sito di Marsala e il 31° CRAM di Jacotenente. Il nominativo di Slovino deve leggersi per Zollino. Il guida caccia, tenente Muti, vuole parlare con qualcuno per sentire «una voce amica» e chiede anche dei guida caccia di Jacotenente che, però, non rispondono al telefono perché stanno a guardare un film.
.
Nr.42
ore 21.44Z - Moro e X.
Moro: sì avanti ... Pronto?
X:  pronto?
Moro: pronto?
X:  scusate, pronto, mi sentite?
Moro: eh?
X:  mi sentite?
Moro: sì, sento.
X:  oh ... eh ... quello sopra voi.
Moro: sì.
X:  Barca vi ha passato in cross (inc.) quell’Alpha Golf 266, no.
Moro: Alpha Golf?
X:  266.
Moro: beh!
X:  e potrebbe essere, diciamo al 99 per cento quell’aereo là, il DC9.
Moro: sì.
X:  voi ... voi non l’avete visto per niente, no?!
Moro: non è stato controllato per niente.
X:  eh, no, non è casomai che avete controllato in quella posizione qualche altro aereo ... qualche altro aereo, magari, con una rotta diversa ... cioè stiamo cercando un pò di dar ... diciamo ... 
Moro: no, no, no, comunque ecco, eh ... nel ... pronto?
X:  sì.
Moro: e le passo l’identificatore così saprà dirle meglio.
X:  quello che stava in quel ... allora eh!
Moro: eh, sì, sì.
 La telefonata è tra il sito di Marsala e il 3° SOC. Gli operatori che colloquiano sono il tenente Muti e il maresciallo Attanasi. Nel corso della telefonata dopochè l’operatore di Marsala riferisce di voler passare l’identificatore che si trovava in servizio al momento dell’incidente, si percepisce ascoltando la conversazione telefonica, che il tenente Muti chiama il sergente maggiore Loi.
.
Nr.43
ore 21.47Z Abate da Moro e Attanasi
Abate: pronto? ... Sono il sergente Abate, chi parla?
Attanasi: maresciallo Attanasi.
Abate: mi dica maresciallo.
Attanasi: eh ... quando Barca vi ha passato in cross (inc.) quell’Alpha Golf 266, no?!
Abate: eh!
Attanasi: oh, voi in quella zona non l’avete visto?
Abate: no, no, niente.
Attanasi: nessun velivolo?
Abate: no, comunque ... a me Palermo mi ha detto che quello che diceva Barca ... era una cazzata.
Attanasi: perché?
Abate: perché, eh ... mo’ il motivo non lo so, no, però io l’ho avvertito quando Barca mi ha detto ai 45 ... alle 19.45 che hanno avvistato su Ponza ai 5 ... 
Attanasi: ma era le 18.45.
Abate: no.
Attanasi: anzi per l’esattezza alle 18.50.
Abate: no, a me l’ha comunicata alle 19.45, no?! E allora alle 18.50
Attanasi: Abate non ti confondere con gli orari.
Abate: no, no, marescià, ... aspetti ... Barca l’ha identificata, l’ha vista su Ponza alle 18.50 ... oh, però a me ... me l’ha detto alle 19.45 questo fatto, no?! ... Oh, poi alle 19.00 stava sull’Ambra 13 Bravo ... ed era l’Alpha Golf 266.
Attanasi: guarda, se tu mi dici che Barca te l’ha dato alle 19.45.
Abate: eh, poi mi ha detto che voi stavate ... cioè vi stava facendo il plottaggio di questa traccia a voi.
Attanasi: stiamo parlando di una traccia delle 18.50, non delle 19.45 eh ... 
Abate: eh, e quella là delle 18.50 ... lui me l’ha data a me sulla linea del S T O ... alle 19.45.
Attanasi: eh 
Abate: come ... come orario comunicato a me.
Attanasi: cioè (inc.) ormai non più come avvistamento, ma come informazione.
Abate: come traccia da plottare, che vi stava plottando a voi per informazione ... oh, io adesso di ‘sto fatto.
Attanasi: sì.
Abate: ho avvertito Palermo, gli ho detto, dico: vedi che c’è stato Barca che l’ha avvistata su Ponza alle 18.50.
Attanasi: praticamente allora Barca a te non te l’ha data alle 18.50 bensì te l’ha dato un’ora dopo.
Abate: sì, perché gliel’ho chiesta io.
Attanasi: e solamente così per ... 
Abate: sì, eh, eh, eh ... e poi ... io gli ho detto ‘sto ... ‘sti particolari, no?! Cioè quello che m’aveva detto Barca a me, che loro l’avevano vista su Ponza ai 50, che a 00 stava sull’Ambra 13
Attanasi: vabbè, abbiamo assodato questo fatto qui.
Abate: e Palermo, scusa, Palermo mi ha detto che è una cazzata.
Attanasi: e perché?
Abate: e mo’ non lo so, dice guarda digli a Barca che è una cazzata, che è impossibile che stava là sopra a quell’orario.
Attanasi: alle19.00.
Abate: alle 18, eh ... alle 19.00 ... sull’Ambra 13 Bravo.
Attanasi: no ... Ambra 13 Alpha a quell’ora.
Abate: Alpha.
Attanasi: Papa Kilo.
Abate: eh, eh, eh!
Attanasi: ah, (inc.).
Abate: comunque lui ha detto che è una cazzata, mo’ non lo so se è vero.
Attanasi: comunque può darsi che dato che quelli c’hanno ancora ... l’altro sistema, no?!
Abate: eh
Attanasi: è facile che l’abbiamo dato in (inc.) e sia arrivato lì, hai capito?
Abate: ah, ah, ho capito.
Attanasi: capito?
Abate: sì.
Attanasi: non lo so, tu non lo so se sei ... ci sei arrivato ... con l’altro sistema?
Abate: marescià, io è 8 anni che sto a Marsala, eh.
Attanasi: e allora lo sai.
Abate: l’ho fatto, ho fatto i turni pure per ... là, quindi.
Attanasi: allora lo sai, cioè.
Abate: senti.
Attanasi: sì, il fatto, perché l’ultimo contatto radio è stato ai 55, no?!
Abate: eh!
Attanasi: e Barca dice ... 
Abate: sì, gliel’abbiamo detto noi, cioè... 
Attanasi: ah, glielo avete detto voi, quindi, quei 5 minuti, quello spostamento, può darsi che siano delle battute in (inc.).
Abate: eh!
Attanasi: capito?
Abate: comunque sta, l’elicottero, il Kilo.
Attanasi: sì, sì, lo sappiamo, lo sappiamo.
Abate: quindi più di quello.
Attanasi: no, io adesso ti volevo chiedere un’altra cosa .
Abate: eh!!
Attanasi: ti volevo chiedere un’altra cosa verso quell’ora, verso le 18.50
Abate: sì.
Attanasi: pronto?
Abate: sì, sì, sto qua.
Attanasi: verso le 18.50 più o meno in quella zona la, Papa Lima.
Abate: eh!
Attanasi: almeno voi il traffico Friendly lo registrate da qualche parte o no?
Abate: noi c’abbiamo il registro che registriamo tutta la... tutti i piani di volo, pure quelli che ci passa Barca. 
Attanasi: no, no io parlo come battuta... come battuta del traffico.
Abate: no, no, noi ... viene registrato tutto tramite (Giacomino)
Attanasi: eh, anche il traffico Friendly? 
Abate: tutto, tutto quanto... da noi ci sta un fatto che noi abbiamo visto... che poi l’abbiamo pure chiamato in frequenza sulla guardia… il Kilo Mike 153.
Attanasi: e che c’era? 
Abate: era un Boeing 720 diretto a Malta, l’abbiamo chiamato in frequenza e gli abbiamo detto se... lui aveva visto qualche cosa, aveva sentito qualche aereo, ha chiamato pure lui sto’ velivolo se… Itavia 870... l’ha chiamato pure lui perché stava su Palermo e l’ha fatto… l’ha chiamato un paio di volte, però lui dice: io non l’ho visto (inc.) e tanto meno mi sta rispondendo.
Attanasi: senti una… una cosa.
Abate: eh… comunque guardi secondo me questo qua sotto non c’è mai arrivato.
Attanasi: sì, sì, è chiaro senti, una cosa.
Abate: eh!
Attanasi: eh, voi il traffico Friendly quindi lo registrate tutto?!
Abate: certo noi... tutto quanto viene registrato.
Attanasi: oh, una cosa eh.... più o meno ogni quanto tempo viene cancellato quel traffico?
Abate: no, niente, quello viene registrato sui nastri.
Attanasi: e la nastro poi rimane?
Abate: certo!
Attanasi: ah, va bene.
Abate: come resta pure... il ... la ... sulle frequenze, no?!
Attanasi: sì, sì, sì, no perché probabilmente bisognerà fare la 
Abate: la data reduction.
Attanasi: la data reduction, sì.
Abate: ma comunque non c’è stata perché
Attanasi: no, no, noi vogliamo sapere un’altra cosa vogliamo sapere.
Abate: eh!
Attanasi: perché, eh.. perché ... non lo so c’è qualche supposizione… casomai ci sia stato qualche dirottamento, capito?
Abate: ah, comunque guardi per quel periodo, cioè per quella... perché c’era prima un aereo in un primo momento l’identificatore MIO si era preoccupato, no, che c’era mo’ il ... mo’ glielo dico il nominativo, dunque era Bravo Mike 330 o 390 che veniva da Roma diretto a Palermo ...
Attanasi: e che cos’era?
Abate: era un DC9, questo però è sceso sull’Ambra 18.
Attanasi: ho capito.
Abate: allora quello là ha detto, dice: probabilmente cioè si è preoccupato, no?! Dice: non è che quello là che noi stiamo cercando al posto di scendere sulla 13... se n’è andato sulla 18?
Attanasi: ho capito.
Abate: ed è l’unico traffico che abbiamo visto prima.
Attanasi: ho capito.
Abate: poi abbiamo chiamato Palermo, dico: guarda così, così... dice: no, era quello là che veniva da... Roma.
Attanasi: quell’ora lì, l’unico... l’unico questo DC9 dell’ATI che avete controllato?
Abate: no, questo qua è l’unico sulla 18.
Attanasi: e poi quello (inc.).
Abate: sulla 13 il Kilo Mike che andava a Malta.
Attanasi: altro traffico non avete...
Abate: niente, niente, niente.
Attanasi: va bene, no perché, vabbè, casomai ripeto c’è qualche richiesta di …
Abate: vabbè, in caso qua stiamo, quindi.
Attanasi: vabbè ,ciao.
Abate: ciao.
 In questa telefonata il sergente Abate e il maresciallo Attanasi, assistente del capo controllore del SOC, discutono e riepilogano gli accadimenti dal momento dell’identificazione dell’aereo da parte di Licola alla scomparsa dello stesso, e del mancato avvistamento del DC9 da parte di Marsala. Abate riferisce in particolare che Licola ha comunicato la traccia AG266 alle ore 19.45 sulla linea dello S.T.O. e non alle 18.50Z in cross tell. Precisa ancora che il traffico viene registrato tutto tramite «Giacomino». Il sottufficiale nel corso dei vari interrogatori non ha mai saputo spiegare la terminologia usata quella sera. Quando Attanasi chiede che bisognerà fare la data reduction, Abate risponde in modo evasivo e il discorso continua su altri argomenti.
.
Nr.44
ore 21.59Z - Abate da Moro, Patroni Griffi e X:
Patroni: pronto?
Abate: sono il sergente Abate, chi parla?
Patroni: capitano Patroni Griffi.
Abate: e per cortesia me lo può passare quel maresciallo che ho parlato poco fa?
Patroni: un attimo.
Abate: grazie, buongiorno.
X:  dimmi Abate.
Abate: senta, io poco fa mi sono dimenticato di dirle un’altra cosa 
X:   sì.
Abate: in quel momento, quei 5 minuti, 10 minuti, stavamo incominciando per fare la manfrina là, no?! Quindi probabilmente mica ha registrato tutto, non lo so mo’, dovremo vedere in caso.
X:  vabbè.
Abate: capito? Che avevamo staccato per caricà il programma quello là.
X:  va bene.
Abate: al 50 per cento può darsi pure che manco quella là abbia registrato.
X:  va bene!
Abate: comunque di norma si registra tutto.
X:  quando fate il passaggio. No, per quella... quella manfrina lì l’avvistamento funziona o no? 
Abate: sì, sì, certo… cioè… al posto del.. dell’automatico, no? 
X:  ho capito
Abate: ce li passa sul sistema vecchio che usavamo.
X:  ho capito, va bene!
Abate: capito?
X:  no, l’importante che ci sia sempre, che non ci sia delle pause...
Abate: no, no, ma al limite guarda sarà stato 5 minuti proprio... ma in 5 minuti s’è persa insomma.
X:  vabbè, con quel fatto che è successo magari pure per un minuto, no, dico.
Abate: ma comunque se ci fosse stata la traccia l’avremmo vista... sia in una parte o l’altra l’avremmo vista… capito?
X:  va bene, ciao.
Abate: sì, ciao.
 Il maresciallo Abate parla nuovamente con Attanasi e facendo riferimento alla precedente conversazione gli sottolinea che, probabilmente, a Marsala non era stato registrato tutto in quanto stavano per iniziare la «manfrina» (il riferimento é alla esercitazione) e che pertanto non era da escludere che la traccia di cui avevano parlato nella telefonata precedente, non fosse stata registrata. Abate, a richiesta di Attanasi se nel corso della «manfrina» l'avvistamento funzionasse o meno, risponde affermativamente in quanto usavano il vecchio sistema. 
.
Nr.45
ore 22.03Z: - Abate, X e Maggio
X:  pronto?
Abate: eh, passami Maggio.
X:  un attimo.
pausa
Abate: (inc.)
Maggio: eh!
Abate: senti scusami, dovremo fare quella cosa che ha detto il capitano Ballini.
Maggio: beh!
Abate: ci vieni in sala?
Maggio: ora la devi fare?
Abate: sì.
Maggio: è urgente (inc.)?
Abate: eh, insomma.
Maggio: ho capito... che te l’ha detto lui?
Abate: sì.
Maggio: mo’ vengo ... ciao.
La telefonata è interna al sito di Marsala. Il contenuto di questa conversazione sarà oggetto di particolare attenzione, tenuto conto che il Maggio sarà identificato soltanto nel 95. Questi, come si vedrà più innanzi, riferirà che quella sera vennero ascoltati i nastri di registrazione TBT.
.
Nr.46
Canale 13 ore 19.47Z - Moro e Barca:
Moro: pronto? pronto?
Barca: pronto?
Moro: senti, non e che voi avete per caso identificato il Giu...eh, l’India Hotel 870?. Barca?
Barca: sì?
Moro: non è che voi per caso avete visto l’India Hotel 870.
Barca: senti, stiamo parlando con Sasso, ci stiamo mettendo d’accordo con loro, va bene?
Moro: ma non l’avete visto?
Barca: senti, sta facciamo... stiamo facendo plottare una traccia che probabilmente forse sarà proprio quello…
Moro: eh dove sta?
Barca: dove stava ... no dove sta!
Moro: eh, dove stava?
Barca: dove stava... adesso la passiamo noi a Sasso tutta quanta…
Moro: e vabbè, dammela a me perché qua con Palermo e con Roma
Barca: senti, era l’Alpha Golf 266 probabilmente.
Moro: 26.
Barca: che ha fatto Ponza intorno ai 50?
Moro: aspetta eh, Ponza ai 50.
Barca: sì, ed era l’Alpha Golf 266.
Moro: uhm!
Barca: e noi l’abbiamo perso sull’Ambra 13 Bravo ai 00.
Moro: sì, infatti dovrebbe essere lei.
Barca: dovrebbe essere questa eh!?
Moro: sì, sì… perché guarda eh, Roma… l’ulti... pronto?
Barca: sì, ti sento vai.
Moro: eh, l’ultimo contatto con Roma ai 55… 18.55.
Barca: sì, corrispondono con i nostri co… con i nostri (inc.)
Moro: e appunto dovrebbe essere quella… 
Barca: senti.
Moro: eh.
Barca: mi fate il favore?
Moro: eh.
Barca: di chiamarci il meno possibile su questa linea.
Moro: va bene, ciao.
Barca: ciao.
 La telefonata è tra il sito di Marsala e Licola. Gli operatori che colloquiano sono il sergente Abate e il maresciallo Sarnataro. L’operatore di Marsala chiede a Licola se ha visto il DC9. Licola riferisce che stava trasmettendo il plottaggio al SOC di Martina Franca, precisando che il volo è stato identificato con il numero di traccia AG266. Aggiungeva, inoltre, che era stato identificato intorno alle 18.50Z su Ponza ed era stato controllato fino alle ore 19.00Z sull’Ambra 13 Bravo.
 Il sergente Abate, invece, sia sul registro dell'IC che nelle conversazioni con Attanasi non farà risultare la sua richiesta di informazioni, ma soltanto la ricezione da parte di Licola del numero di traccia AG266 correlata al DC9 Itavia.
.
Nr.47
Canale 13 ore 19.49Z Moro e X:
Moro: pronto?
X:  ohe, l’ultima posizione (Georef) dell’Alpha Golf 266.
Moro: eh… e dammela.
X:  che l’ho avvistata io è sull’Ambra 18 Bravo ai 00.
Moro: e me l’hai data.
X:  eh, e tu devi interrogare il nastro mo’?
Moro: no, no e io non l’ho vista proprio.
X:  ah, non l’hai vista proprio tu?
Moro: no, no.
X:  vabbuò, ciao.
Moro: ciao.
 La telefonata è tra il sito di Marsala e Licola. Gli operatori che conversano sono il sergente Abate e il maresciallo Sarnataro. Marsala chiede l’ultima posizione della traccia AG266 e l’operatore di Licola gli risponde «sull'Ambra 18 Bravo ai 00», invitandolo ad interrogare il nastro. Il sergente Abate gli risponde che la traccia non è stata vista. Per affermare ciò, e richiedere l’ultima posizione della traccia che Licola gli aveva comunicato poco prima, il sergente Abate deve aver sicuramente controllato una riduzione dati, nella quale, appunto, quel numero di traccia non risulta.
.
Nr.48
Canale 13 ore 19.50Z - Moro e X:
Moro: pronto?
X:  stai sempre controllando tu, è vero?
Moro: no, io non sto contro... io sto... sto chiamando
X:  ok, comunque controlla.
Moro: comunque senti.
X:  dimmi.
Moro: mo’ Barca.
X:  come?
Moro: mo’ un altro sito vicino a noi, no?
X:  ah, scusa, scusa un attimo ... cosa?
Moro: l’hanno controllato dice, probabilmente... ai 50 su Ponza?
X:  lo hanno controllato ai 50 su Ponza? 
Moro: eh! Però dall’ora scorsa.
X:  dell’ora scorsa ai 50 ho capito.
Moro: eh, ai 13 sulla... ai 00 stava sull’Ambra 13 Bravo.
X:  ai 00 sull’Ambra tre... aspetta un attimo che prendo appunto, aspetta.
Moro: però non è sicuro perché loro stanno facendo il plottaggio per vedere se è quella là.
X:  cioè stanno facendo?
Moro: il plottaggio, cioè stanno ri... verificando tutte le posizioni.
X:  va bene, allora senti un pò, ai 50... ai 50 era?
Moro: su Ponza.
X:  su Ponza.
Moro: eh.
X:  poi ai 03?
Moro: ai 00 sull’Ambra 13 bravo.
X:  Ambra 13 Bravo... e poi...? fino a qui?
Moro: sì.
X:  vabbè, solo questo con... cioè dopo questo contatto, avvistamento non è più controllato?
Moro: non l’hanno più controlla…
X:  come?
Moro: lo stanno vedendo, stanno vedendo, lui lo sta passando al settore poi con… dal settore ci dirà dove stava.
X:  eh, va bene, allora mi fai sapere qualcosa...
Moro: sì, ciao.
X:  ok, ciao.
 La telefonata è tra il sito di Marsala e Palermo. L’operatore di Marsala è il sergente Abate. Comunica a Punta Raisi quanto è venuto a conoscenza da parte del sito di Licola.
.
Nr.49
Canale 13 ore 20.03Z - Moro e Barca:
Barca: dica?
Moro: Barca?
Barca: eh?
Moro: mi confermi quella notizia che mi avevi dato, perché lo vuol sapere Palermo.
Barca: che vuole sapere Palermo?
Moro: se… voi l’avete avvistato su Ponza ai 50 e ai 00 stava sull’Ambra 13 Bravo.
Barca: ok.
Moro: sì?
Barca: eh.
Moro: e l’ultima posizione me la puoi dare in (Georef)?
Barca: in Ge?
Moro: l’ultima posizione in (Georef).
Barca: Ambra 18 Bravo.
Moro: sull’Ambra 18 Bravo.
Barca: eh.
Moro: eh! ok.
Barca: eh.
Moro: ciao...oh?
Barca: Ambra 13 Bravo.
Moro: sì, sì, l’ho capito, l’ho capito.
Barca: meno male, ah.
 La telefonata è tra Marsala e Licola. Gli operatori sono il sergente Abate e il maresciallo Sarnataro. Abate chiede conferma nuovamente a Licola dei dati comunicati con le precedenti telefonate delle ore 19.47Z e 19.49Z, in quanto lo vuol sapere Punta Raisi.
.
Nr.50
Canale 13 ore 20.18Z - Moro e Roma:
Moro: sì, dimmi.
Roma: senti Marsala sono il supervisore di Roma.
Moro: dimmi.
Roma: volevo sapere una cosa a proposito di quell’Itavia.
Moro: sì.
Roma: voi l’avete mai seguito sul radar o non l’avete mai visto?
Moro: noi non... non l’abbiamo visto perché stavamo... facendo un’esercitazione.
Roma: ho capito.
Moro: e c’eravamo… almeno non...
Roma: no, siccome quando io t’ho chiesto notizie... mi hai dato esattamente la posizione del Kilo Mike.
Moro: sì.
Roma: l’altro che seguiva.
Moro: eh.
Roma: io pensavo che stesse seguendo anche l’Itavia, voi l’Itavia non l’avete mai seguita?!
Moro: e non l’abbiamo mai vista.
Roma: mai vista, eh!
Moro: ma stava prima o dopo il Kilo Mike?
Roma: voi quando acquisite, quando cominciate a vedere l’aeromobile, a che (inc.)?
Moro: ma stava prima o dopo il Kilo Mike?
Roma: voi quando acquisite, quando cominciate a vedere l’aeromobile, a che (inc.)?
Moro: e dipe… e dipende se ci ha gli IFF.
Roma: bè, sì, questo ci ha gli IFF, il (moto-rectius: modo C; nde C), no?!
Moro: eh.
Roma: quindi voi in pratica all’incirca dove li vedete a ...
Moro: ah, certe volte anche su Ponza li vediamo... pronto?
Roma: sì.
Moro: e certe volte anche su Ponza li vediamo.
Roma: arrivate fino a Ponza addirittura?!
Moro: eh.
Roma: quindi voi questo non l’avete seguito?
Moro: no, non l’abbiamo visto.
Roma: perché avevate l’esercitazione?
Moro: eh!
Roma: va bene, ok, grazie.
Moro: prego.
 La telefonata è tra il sito di Marsala e l’ACC di Ciampino. Gli operatori che parlano sono il sergente maggiore Loi ed il supervisore capitano Grasselli. Marsala afferma di non aver mai identificato il DC9. Ciampino, però, gli fa notare che quando ha chiesto notizie del Kilo Mike, cioè l’Air Malta, gli è stata data l’esatta posizione per cui pensava che avevano seguito anche il DC9 in quanto precedeva lo stesso di circa 10 minuti. Loi conferma che non hanno seguito il DC9 perché erano impegnati nell’esercitazione.
.
Nr.51
Canale 13 ore 20.24Z - Moro e X (Palermo)
Moro: pronto?
X:  eh, Moro?
Moro: dimmi.
X:  hai fatto altri sviluppi per quello lì?
Moro: no, no.
X:  cioè quindi 18.50 e 19.00...
Moro: uhm… no, ma questi a me senti, me li ha dati Licola...
X:  chi?
Moro: eh, Napoli là, dalle parti di Napoli.
X:  Napoli? 
Moro: eh, quell’altra cosa che sta qua.
X:  ah, non l’avete registrato voi?
Moro: no, noi non l’abbiamo proprio visto.
X:  ah, ho capito e vabbè.
Moro: questo è stato controllato da ... da un altro, capito?
X:  da un altro...
Moro: però mi sa che hanno pure sbagliato questi.
X:  appunto, è sbagliato pure.
Moro: eh, e sbagliato, no?!
X:  e allora non ... vabbuò.
Moro: vabbè.
X:  ciao.
Moro: ciao.
 La telefonata è tra il sito di Marsala e Palermo. L’operatore di Marsala è il sergente Abate. Punta Raisi riferisce a Marsala che i dati comunicati alle ore 19.50Z sono sbagliati. Gli viene risposto che gli stessi sono stati ricevuti da Licola poiché il sito non ha visto il DC9. Anche in questa circostanza l’affermazione di Abate di non aver visto il DC9 sembra essere desunta da una verifica che in quel momento poteva essere riscontrata solo tramite una riduzione dati.
.
Nr.52
Canale 13 ore 20.26Z - Moro e X:
X:  ahò?
Moro: ahò...
X:  eh!
Moro: vedi che Palermo.
X:  eh.
Moro: riguardo all’aereo che stava su Ponza... è ‘na cazzata!
X:  eh?
Moro: è una cazzata, non è… non è corretto.
X:  perché?
Moro: probabilmente voi.
X:  eh.
Moro: stavate portando il Kilo Mike... mo’ ti dico io come si chiama, 153 diretto a Malta... hai capito?
X:  ma noi dietro ne abbiamo un’altra.
Moro: dietro ne avete un’altra?
X:  dietro ne abbiamo un’altra e davanti un’altra.
Moro: ah.
X:  praticamente con lo stimato.
Moro: eh.
X:  di Palermo ai 23.
Moro: eh.
X:  per noi va bene questo.
Moro: no, Palermo ai 15 doveva essere… 
X:  ah, Palermo ai 15.
Moro: eh!
X:  vabbuò, e allora è quella dietro.
Moro: quella di dietro?
X:  cioè la Lima Kilo 477.
Moro: ah.
X:  tu l’hai avvistata la Lima Kilo4...?
Moro: no, no, niente, io ho avvistato solamente l’Alpha Golf 262.
X:  e basta?
Moro: e basta.
X:  ma perché stavate fuori?
Moro: no e sta... no, stavamo efficienti.
X:  e tutte ‘ste tracce che stavano in discesa non avete visto un cazzo?
Moro: no.
X:  sogni d’oro.
Moro: stavamo facendo la Synadex.
X:  ah, ah... ciao.
Moro: ciao... (verso l’int.: ce n’hanno 13 (inc.) e Barca).
 La telefonata è tra il sito di Marsala e Licola. Gli operatori sono il sergente Abate e il maresciallo Sarnataro. Marsala comunica a Licola l'inesattezza dei dati trasmessi alle 19.47Z, precisando che essi, probabilmente, stavano controllando il KM, cioè l’aereo maltese. L’operatore di Licola fa presente che avevano due tracce l'AG266 e la LK477 chiedendo se avevano identificato anche quest’ultima traccia, LK477; Abate risponde che è stata identificata solo l’AG262 e nient’altro. Il maresciallo Sarnataro chiede notizie sulle tracce che stavano in discesa, il sottufficiale di Marsala risponde di non aver identificato nulla perché era in corso l’esercitazione Synadex. Anche in questo caso le risposte che comunica il sergente Abate appaiono tratte da una consultazione di una riduzione dati o altrimenti bisogna pensare che fossero risposte casuali.
.
Nr.53
Canale 10 ore 17.22Z:
X: (dall’interno) - Attenzione, il sergente maggiore (inc.) si rechi in sala telex. Attenzione, ripeto il sergente maggiore (inc.) si rechi in sala telex.
 I periti fonici non sono riusciti ad interpretare il nome del sergente maggiore e pertanto indicarono incomprensibile la parola. Ma dai ripetuti riascolti effettuati da questo Ufficio, invece, si riusciva a percepire il nome di D’Amico. Il sergente maggiore D’Amico Carlo, operatore MIO, unico al CRAM nel 1980 con questo cognome, il 27.06.80 figura sul registro dell’operatore MIO smontante alle ore 11.00Z e di nuovo in servizio la mattina del 28.06.80 alle ore 06.00Z; pertanto non avrebbe dovuto essere di servizio quella sera.

 Queste le telefonate di rilievo registrate la sera del disastro. Esse rappresentano la registrazione obiettiva dei contatti intercorsi tra gli operatori del sito di Marsala e l’esterno, prima e dopo l’evento. Solo grazie a queste registrazioni è stato possibile risalire ad alcune importanti attività che altrimenti sarebbero rimaste sepolte nella memoria di coloro che furono presenti la sera del disastro in quella sala.
 Va rilevato innanzitutto che é stato accertato che il clock del sito di Marsala si differenziava in modo più o meno rilevante con quello degli altri siti della Difesa Aerea e del Traffico Civile. Infatti Marsala era avanti nell’ora rispetto a Siracusa di circa 7 minuti; a Martina Franca di circa 5 minuti; a Licola di circa 2 minuti; a Palermo Punta Raisi di circa 3 minuti; a Ciampino ACC di circa 3 minuti. Mentre risultava indietro di circa 3 minuti rispetto a Poggio Ballone.
 Dall’ascolto delle telefonate si può pertanto affermare che alle ore 19.00Z doveva effettivamente avere inizio la programmata esercitazione Synadex che avrebbe coinvolto anche il sito di Siracusa, che, proprio quel giorno, si trovava in «manutenzione» (così come risulta stabilito dall’ITAV che aveva indicato anche gli orari, dalle ore 12.00Z alle ore 19.00Z, della esecuzione). Nella telefonata delle ore 18.13Z, infatti, il sergente Abate chiedeva all'operatore di Siracusa, sergente Arena, se si trovassero in «Mike», cioè in manutenzione. Quest’ultimo gli rispondeva con un certo disappunto per l'inopportunità di queste richieste (v.telefonata nr.2).
 Nella telefonata delle ore 18.34Z (v.tel.nr.3) intercorsa sempre tra i predetti operatori veniva trasmesso un messaggio cifrato, cosiddetto «Buck (rectius book) Number 1093». Solo nel dicembre 94 verrà accertato che con questo messaggio, probabilmente, si segnalava il ripristino dell’operatività del sito dopo un’avaria o manutenzione. (v. nota SMA, 16.12.94). Tanto considerato si può affermare, senza ombra di dubbio, che alle 18.34Z, cioè ventisei minuti prima dell’evento, il sito di Siracusa era ritornato operativo.
 A seguito della cessazione della manutenzione ed al ripristino delle attività operative del detto sito l’operatore di Marsala prendeva accordi con Sasso per l’inizio dell’esercitazione. Dalle telefonate intercorse tra Marsala e Siracusa, tra le ore 18.58Z e le ore 19.15Z, ben si rileva che Siracusa è operativa (v. telefonate nr.9-10-13-15-17-20).
 Appare peraltro poi abbastanza chiaro che fino alle 19.15Z Marsala non aveva inviato nessun input a Siracusa per l’inizio dell’esercitazione nonostante vi fossero sollecitazioni, in tal senso, da parte di quest’ultimo sito. Alle continue sollecitazioni Marsala alla fine risponderà che «abbiamo dei problemi» (v. telefonata nr.15 delle ore 19.10Z).
 Alle ore 19.13Z giungeva al sergente maggiore Loi, identificatore, la comunicazione da Punta Raisi della scomparsa del DC9 Itavia (v.tel.nr.18 delle h.19.13Z). Alle 19.14Z giungeva al sergente maggiore Vitaggio, assistente al Master Controller, la comunicazione dall’ACC di Ciampino circa la presenza di traffico aereo su Palermo (v.tel.nr.19 delle h.19.14Z). Il sergente maggiore Loi, dalle 19.13Z contattava via filo Punta Raisi, Licola ed il NIMA di Ciampino per conoscere il traffico aereo in discesa e avere notizie più dettagliate sul DC9 Itavia. Il capitano Ballini, alle ore 19.23Z parlava con il capitano Patroni Griffi, capo sala del 3° SOC di Martina Franca, della scomparsa del DC9 e delle operazioni da intraprendere, come quella di informare il soccorso. Ad un certo punto della conversazione, il capitano Patroni Griffi, diceva a Ballini: «Senti un pò Ballini eh credi necessario interrompere la Synadex?»; gli veniva risposto: «Sì, sì infatti la stiamo interrompendo» (v. tel.nr.25 delle h.19.23Z). Da queste due battute dei capi controllori si evince che non è il capitano Ballini ad avere già sospeso l’esercitazione, bensì Patroni Griffi che chiede se fosse più o meno opportuno interromperla.
 In realtà Marsala, come si deduce dalle telefonate intercorse tra le 18.58Z e le 19.15Z, non risulta avere iniziato l’esercitazione, per cui il fatto di dire «la stiamo interrompendo» da parte di Ballini, probabilmente, era soltanto un modo per ingannare Patroni Griffi, riferendogli che l’esercitazione era regolarmente in atto mentre con tutta probabilità non era mai iniziata.
 Non si é riusciti a comprendere il significato della frase pronunciata da Vitaggio riferita al collega di Siracusa «senti, stop Synadex, dai tredici», cioè fine dell’esercitazione dalle 19.13Z (v. telefonata nr.26 delle h.19.26Z). Lo stop della esercitazione «ai tredici» ha trovato conferma anche in altra conversazione in cui il maresciallo Sardu, parlando con Siracusa, affermava: «Guarda la Synadex è annullata, eh», il collega di questo secondo sito gli risponde: «già ho ricevuto comunicazione per questo da Victor Golf - cioè da Vitaggio nde -, alle ore 19.19 riferito alle 19.13» (v. telefonata nr.38 delle ore 19.35Z).
 Si rileva che in questa telefonata l’operatore Sardu fa riferimento all’«annullamento» dell’esercitazione e non ad una interruzione, ciò a significare che l’esercitazione non aveva mai avuto inizio, in quanto, in caso contrario, si sarebbe parlato di una interruzione.
 Si ha motivo di ritenere che lo Stop Synadex «ai tredici», comunicato a Siracusa alle 19.26Z, coincide, in maniera alquanto sospetta, con l'orario in cui il sito radar riceve la prima comunicazione da Punta Raisi sul DC9.
 Dal tabulato Console Data Recording di quella sera l'inizio della esercitazione - avviata con il comando Start Sim - risulta registrato dalla console del Master Controller alle ore 19.14.31, mentre, lo Stop alle ore 19.22.48. Pertanto lo Stop Synadex «ai 13» sarebbe stato dato un minuto prima che il MC premesse il bottone «Start Sim», ovvero un minuto prima dell'inizio della esercitazione. Ciò ovviamente appare risibile e del tutto inattendibile, anche alla luce dei rilievi tecnico radaristici e dei progressi dell’inchiesta più avanti esposti.
Come si vedrà più innanzi il maresciallo Vitaggio nulla saprà riferire sul significato dell’annullamento dell’esercitazione «ai tredici».
 Altra circostanza di notevole interesse probatorio che fornisce un’ulteriore prova che la esercitazione probabilmente non è mai iniziata è la conversazione intercorsa tra l’aviere Belluomini e la sua fidanzata laddove si sottolinea, in relazione alla esercitazione «...No, perché l’esercitazione non la facciamo più, ora io lavoro dalle 10 alle 11... non abbiamo lavorato perché ci sta un apparecchio, un DC9 che veniva da Bologna a Palermo, che hanno perso il contatto radio, no?... E quindi non abbiamo più fatto l’esercitazione per vedere se lo troviamo» (v. telefonata nr.30 delle ore 19.37Z).
 Alle 19.30Z si rileva la seconda ed ultima conversazione in cui il capitano Ballini conversa con il capitano Patroni Griffi, in cui il primo ribadisce di aver chiamato anche il Kilo Mike, cioè l’aereo dell’Air Malta, al fine di contattare via radio il DC9, ma senza alcun esito (v. telefonata nr.37 delle h.19.30Z). Da quel momento il capitano Ballini, cioè il responsabile della sala operativa, nonostante fosse richiesto telefonicamente sia dal capitano Gari, capo controllore di Poggio Ballone, che da Patroni Griffi, per questioni di notevole importanza legate alla scomparsa del DC9 dell’Itavia, non prendeva più le chiamate, tantochè il personale di sala rispondeva a Gari, che era di ronda, a Patroni Griffi che si trovava al bagno (v. telefonata nr.31 delle ore 19.52Z e nr.40 delle ore 20.31Z). Patroni Griffi nel corso della suddetta telefonata richiedeva notizie sulla eventuale presenza quella sera di traffico americano nella zona di scomparsa del DC9. Come si è visto, Marsala rispondeva negativamente a tali richieste.
 

 Torna alla pagina precedente
.