Cap. XIV - Ridicole conclusioni
.

Finalmente, alcuni mesi dopo aver consegnato la “Nota Tecnica” sui missili, abbiamo la valutazione dei CTU (periti giudiziari) per bocca (o meglio per scritto) del loro coordinatore Prof. Casarosa.
Era proprio quello che volevamo, ma non sapevamo quello che ci aspettava!

Consulenza tecnica Cinti-Di Stefano. 23.12.95. (Commenti dei CTU d’Ufficio Casarosa e Held nda)
Il documento sub LXXX "Osservazioni alla perizia tecnica d'Ufficio e ricostruzione dell'abbattimento del DC9 I-Tigi la sera del 27.06.80" proviene dai consulenti di parte Cinti e Di Stefano ed espone osservazioni sulla perizia Misiti.
Nel documento essi sostengono che il DC9 fu abbattuto dai corpi inerti di due missili che, esplosi a distanza tale da non poter determinare l'impatto delle schegge della testa di guerra, proseguendo nella loro corsa, hanno trapassato la parte anteriore della fusoliera del DC9 stesso, causandone la caduta. Ipotizzano poi che il velivolo non abbia subito alcuna frammentazione in volo, ma abbia impattato con la superficie del mare in condizioni integre, attribuendo la dispersione dei frammenti della parte posteriore della fusoliera nelle ben note zone di recupero E ed F alle correnti marine ed alla rotazione terrestre.
I periti Casarosa-Held, che hanno risposto a tutte le obiezioni e richieste di chiarimento formulate da tutti i collegi peritali, hanno informato questa AG che non avrebbero preso in considerazione quanto esposto nel documento di questi consulenti in quanto costituito da un cumulo di affermazioni insensate, basate sull'errata convinzione che il velivolo fosse caduto integro, su una profonda ignoranza delle caratteristiche di navigazione dei missili, facendo strampalati ragionamenti su navigazione proporzionale, curva del cane, punto futuro, su profonda ignoranza delle caratteristiche tecniche dei missili operativi all'epoca, su profonda ignoranza del funzionamento delle spolette di prossimità, ritenendo possibile la loro attivazione dalle estremità alari del velivolo e, infine, considerando fori di uscita quelli che, in realtà, non sono fori ma accartocciamenti di lamiere per effetto dell'impatto del relitto con la superficie del mare e non presentano assolutamente estroflessioni dei bordi se non nella ricostruzione del tutto fantastica effettuata al computer da parte degli stessi CT.
Tutto questo senza tenere conto dell'evento assolutamente improbabile che ben due missili abbiano subito la rocambolesca attivazione delle loro spolette dalla stessa estremità dell'ala del velivolo (quella destra), altrettanto rocambolescamente abbiano entrambi impattato contro la fusoliera del velivolo con quello che rimaneva dei loro corpi dopo l'esplosione delle teste di guerra e, infine, senza tenere conto neppure di come questi consulenti siano riusciti ad individuare con assoluta certezza fra gli infiniti squarci presenti sul relitto quelli di ingresso e di uscita di entrambi i resti dei missili, perfettamente allineati con le traiettorie seguite dai missili stessi, non avendo subito alcuna deviazione all'impatto stesso.
Hanno ritenuto assolutamente ridicole le conclusioni tratte dall'osservazione di una manica di indumento che
fuoriusciva dalla superficie verticale di coda quando è stato appurato con assoluta certezza che tale manica è stata portata nel luogo osservato da un barbagianni che viveva nell'interno dell'hangar ed aveva nidificato nella cavità presente nella superficie stessa. Tale manica era nel modo più certo ed assoluto assente al momento della ricostruzione del relitto ed in tempi ad esso successivi.
Pertanto, i periti Casarosa-Held hanno ritenuto che, anche alla lettura di un profano, le argomentazioni addotte da Cinti-Di Stefano apparissero di per sè prive di ogni rilevanza tecnica ed assolutamente fantasiose, senza bisogno di alcun commento.

Per cui siamo alle solite.
Il prof. Casarosa, credo facente le funzioni di coordinatore dei CTU (i periti giudiziari) stronca il lavoro giudicandolo immeritevole pure di una lettura critica.
Peccato, a me sarebbe piaciuta una stroncatura basata sui dati di fatto: la posizione della scaletta anteriore, i reperti nei motori, i plot a ovest, il disallineamento del radar….
E poi anche entrare nel merito dei “segni” rilevati sul relitto, specie per l’enorme varco visibile sulla fiancata sinistra del velivolo.
Insomma sapere come, se il DC9 viene attaccato da Ovest, se i missili partono da Ovest, nelle posizioni reciproche indicate con tanto di disegni in scala e tempi dell’evento, sapere come gli arriverebbero addosso, se la dinamica che abbiamo indicata è sbagliata.
Invece, con una risposta del genere, non se ne può nemmeno discutere.
Però si potrebbe replicare: “La lingua batte dove il dente duole”, dice un famoso proverbio.

In realtà più avanti i tre Pubblici Ministeri, quando alla fine dell’inchiesta formuleranno la loro “requisitoria” (richiesta di rinvio a giudizio per gli imputati) daranno un giudizio affatto negativo di questo nostro lavoro, facendo però proprie le critiche formulate da uno degli imputati, il Gen. Melillo, critiche che riguardano solamente la parte “missile” e non toccano invece le evidenze di incompatibilità con la dinamica dell’incidente rispetto a quello indicato dai CTU (periti giudiziari)
Lo vedremo in dettaglio più avanti.
Intanto però prendo lo spunto dal fatto che uno degli argomenti di critica del Gen. Melillo riguardava “il perché” uno avrebbe dovuto andare a lanciare dei missili in tempo di pace, e introduco uno degli scenari di crisi internazionale nell’ambito del quale potrebbe essere maturato il disastro del DC9.

L'Affare Maltese
 

Un solo appunto: "non presentano assolutamente estroflessioni dei bordi se non nella ricostruzione del tutto fantastica effettuata al computer da parte degli stessi CT"
Questa è una fotografia e non una ricostruzione al computer.
Si vede chiaramente che, subito dietro il portellone di ingresso, la lamiera e piegata "in fuori", cioè è "estroflessa" (sporge di circa 50 cm rispetto alla sagoma del velivolo.
.
Questa è l'ultima volta che sono stato sul relitto, credo nel 1998. Mi sono voluto fare la foto vicino al "buco" che appare chiarissimo alla mia sinistra (sembra che oltre che la mia fantasia lo veda anche la macchina fotografica, ma forse ho usato una macchina truccata, della CIA. E vallo a sapere!)
Clik sull'immagine per ingrandirla e vederlo nei dettagli
.

 
 
 
.